CNOS FAP di Vigliano Biellese in festa CON Don Bosco

Ogni 31 gennaio appare, secondo le tradizioni di ogni casa salesiana, spesso uguale ad ogni altro 31 gennaio. Eh si! Non è un grande inizio penseranno i lettori di questo articolo... e non è che abbiano torto. A chi guarda al tempo e alla storia questa considerazione può apparire a tratti anche un po' fastidiosa. Sentirsi dentro una routine che ogni anno ci ripropone uno schema di festa spesso uguale a sé stesso può apparire pure antipatico. A ben guardare però anche il ripetersi della festa richiama la saggezza della Chiesa che nella ciclicità e nel riproporci nell'anno liturgico letture e riti ci fa crescere nella comprensione di una "Presenza". Così un po' è la festa di Don Bosco. A Vigliano il modello è quello tradizionale: Messa, Cioccolata, Gioco o Teatro, Pranzo e questo è accaduto anche quest'anno con quella "eterna presenza" di Don Bosco che ha scandito i tempi e i momenti. Il Vescovo, a ricordarci l'amore di Don Bosco per la Chiesa e per i suoi Pastori, ha accolto i ragazzi e gli adulti del Centro di Formazione presiedendo l'Eucaristia, il "Centro" della giornata, quel "Centro" indicato da Don Bosco come "condizione" per stare "nel" mondo e "davanti" alla vita. Ed il Vescovo non si è nascosto, ha raccontato come la storia di Don Bosco abbia attraversato anche la sua di vita, quella di giovane, quella di seminarista, quella di prete. "Figlio" tra i "Figli", divenuto Pastore, ha rimesso al centro il messaggio di Don Bosco: "Siete voi l'omelia più bella" così tanto vicina a quel "basta che siate giovani perché io vi ami assai". La Messa, scandita dai canti, dalla presenza protagonista dei ragazzi si è conclusa con il desiderio del Vescovo di una foto di famiglia... un mezzo miracolo, senza castagne stavolta, ma con un gruppo enorme di vite e storie che guardano ad "est". Terminata la Messa ecco un altro "rito" la cioccolata! Per ogni ragazzo una cioccolata calda e una brioche. Nulla a che fare con una maldestra "captatio benevolentiae" ma un modo semplice e vero di dire "ti ho detto che basta che tu sia giovane perché io ti voglia bene ed ora te lo dimostro! Ti ho dato tutto quello che ti serve con l'Eucaristia ora ti faccio fare l'esperienza di quanto sto bene con te, di quanto è grande il mio desiderio di vivere insieme te, la vita e la festa". C'è sempre il profumo di Don Bosco in questi momenti, castagne, minestra, cioccolata, il profumo non è un alimento ma il desiderio di un "alimento donato", di un sentimento, di una "vocazione". Giusto il tempo di smaltire la dolcezza della cioccolata e un torrente di colori ha invaso Via Libertà, destinazione "teatro Erios" dove, dopo un inizio dedicato alla premiazione del concorso dei presepi, un modo tutto salesiano per "portare dentro" i ragazzi ad un mistero, per renderli protagonisti, la parola è passata a Sergio Procopio. Sergio è uno dei tanti "figi di don Bosco". Per la sua storia personale, forse uno dei figli più "amati", che ha in modo mirabile donato la sua arte ed il suo omaggio ai deportati nei campi di sterminio con il suo "Viaggio di Herry". Sergio ha rubato sorrisi, ha coinvolto i ragazzi, li ha messi al centro, li ha fatti pensare, gli ha insegnato... ricordava quel giovane funambolo, sopra una corda che attirava l'attenzione per lasciare che i ragazzi venissero attirati da qualcosa di più grande, dalla verità... Ed alla fine dello spettacolo, quando tolti gli abiti di scena sono rimasti uomini e persone, ci si è accorti che la vita è mistero, meraviglia, a volte dolore ma sempre speranza... sempre, anche dopo un colpo, dopo il buio, dopo l'apparente fine c'è un camino che continua. Dopo lo spettacolo autorità, aziende, allievi si sono spostati in officina per l'inaugurazione del nuovo centro di lavoro.  "Piedi nel presente e cuore nel futuro" ecco cosa significa oggi "formazione professionale" operare, insegnare, investire, guardare al domani con gli occhi e con il cuore perchè ogni giovane ed ogni uomo possano avere un futuro all'altezza della loro dignità. E alla fine... dopo aver spezzato il "Pane", dopo aver "Mischiato" la vita, dopo aver "Nutrito" la memoria, il pranzo fraterno ha concluso una giornata di festa, una giornata di storia, una giornata di vita. E così è stata la nostra festa, una festa uguale a tante altre. Uguale e diversa, perchè lo siamo noi e perchè lo sono i nostri allievi ma con dentro tutto il profumo dell'Eterno, tutto il profumo di quel bene seminato e colto che in un sorriso, in un abbraccio, in un pezzo di strada percorso assieme continua a dire "basta che siate giovani perchè io vi ami assai".  
Be Sociable, Share!