Al via il corso RISTORAZIONE TECNICHE CUCINA BASE

Partirà alla fine di febbraio il corso RISTORAZIONE TECNICHE CUCINA BASE con Alfio Gangarossa, docente dell'Istituto Alberghiero. Le lezioni si terranno il lunedì e il mercoledì presso i laboratori di cucina dell'Associazione CNOS FAP di Vigliano Biellese, via Libertà, 13 dalle ore 18,00 alle ore 22,00. Il corso è riservato ad utenti occupati. Durata: 50 ore Costo: € 165,00 a carico dell'allievo Il corso è finanziato nell'abito del POR FSE 2014-20 Direttiva Formaz. Continua e Permanente Lavoratori Occupati con copertura del 70% del costo a carico degli enti finanziatori.
AFFRETTATEVI AD ISCRIVERVI! Per informazioni: tel. 0158129207 mail info.vigliano@cnosfap.net

CNOS FAP di Vigliano Biellese in festa CON Don Bosco

Ogni 31 gennaio appare, secondo le tradizioni di ogni casa salesiana, spesso uguale ad ogni altro 31 gennaio. Eh si! Non è un grande inizio penseranno i lettori di questo articolo... e non è che abbiano torto. A chi guarda al tempo e alla storia questa considerazione può apparire a tratti anche un po' fastidiosa. Sentirsi dentro una routine che ogni anno ci ripropone uno schema di festa spesso uguale a sé stesso può apparire pure antipatico. A ben guardare però anche il ripetersi della festa richiama la saggezza della Chiesa che nella ciclicità e nel riproporci nell'anno liturgico letture e riti ci fa crescere nella comprensione di una "Presenza". Così un po' è la festa di Don Bosco. A Vigliano il modello è quello tradizionale: Messa, Cioccolata, Gioco o Teatro, Pranzo e questo è accaduto anche quest'anno con quella "eterna presenza" di Don Bosco che ha scandito i tempi e i momenti. Il Vescovo, a ricordarci l'amore di Don Bosco per la Chiesa e per i suoi Pastori, ha accolto i ragazzi e gli adulti del Centro di Formazione presiedendo l'Eucaristia, il "Centro" della giornata, quel "Centro" indicato da Don Bosco come "condizione" per stare "nel" mondo e "davanti" alla vita. Ed il Vescovo non si è nascosto, ha raccontato come la storia di Don Bosco abbia attraversato anche la sua di vita, quella di giovane, quella di seminarista, quella di prete. "Figlio" tra i "Figli", divenuto Pastore, ha rimesso al centro il messaggio di Don Bosco: "Siete voi l'omelia più bella" così tanto vicina a quel "basta che siate giovani perché io vi ami assai". La Messa, scandita dai canti, dalla presenza protagonista dei ragazzi si è conclusa con il desiderio del Vescovo di una foto di famiglia... un mezzo miracolo, senza castagne stavolta, ma con un gruppo enorme di vite e storie che guardano ad "est". Terminata la Messa ecco un altro "rito" la cioccolata! Per ogni ragazzo una cioccolata calda e una brioche. Nulla a che fare con una maldestra "captatio benevolentiae" ma un modo semplice e vero di dire "ti ho detto che basta che tu sia giovane perché io ti voglia bene ed ora te lo dimostro! Ti ho dato tutto quello che ti serve con l'Eucaristia ora ti faccio fare l'esperienza di quanto sto bene con te, di quanto è grande il mio desiderio di vivere insieme te, la vita e la festa". C'è sempre il profumo di Don Bosco in questi momenti, castagne, minestra, cioccolata, il profumo non è un alimento ma il desiderio di un "alimento donato", di un sentimento, di una "vocazione". Giusto il tempo di smaltire la dolcezza della cioccolata e un torrente di colori ha invaso Via Libertà, destinazione "teatro Erios" dove, dopo un inizio dedicato alla premiazione del concorso dei presepi, un modo tutto salesiano per "portare dentro" i ragazzi ad un mistero, per renderli protagonisti, la parola è passata a Sergio Procopio. Sergio è uno dei tanti "figi di don Bosco". Per la sua storia personale, forse uno dei figli più "amati", che ha in modo mirabile donato la sua arte ed il suo omaggio ai deportati nei campi di sterminio con il suo "Viaggio di Herry". Sergio ha rubato sorrisi, ha coinvolto i ragazzi, li ha messi al centro, li ha fatti pensare, gli ha insegnato... ricordava quel giovane funambolo, sopra una corda che attirava l'attenzione per lasciare che i ragazzi venissero attirati da qualcosa di più grande, dalla verità... Ed alla fine dello spettacolo, quando tolti gli abiti di scena sono rimasti uomini e persone, ci si è accorti che la vita è mistero, meraviglia, a volte dolore ma sempre speranza... sempre, anche dopo un colpo, dopo il buio, dopo l'apparente fine c'è un camino che continua. Dopo lo spettacolo autorità, aziende, allievi si sono spostati in officina per l'inaugurazione del nuovo centro di lavoro.  "Piedi nel presente e cuore nel futuro" ecco cosa significa oggi "formazione professionale" operare, insegnare, investire, guardare al domani con gli occhi e con il cuore perchè ogni giovane ed ogni uomo possano avere un futuro all'altezza della loro dignità. E alla fine... dopo aver spezzato il "Pane", dopo aver "Mischiato" la vita, dopo aver "Nutrito" la memoria, il pranzo fraterno ha concluso una giornata di festa, una giornata di storia, una giornata di vita. E così è stata la nostra festa, una festa uguale a tante altre. Uguale e diversa, perchè lo siamo noi e perchè lo sono i nostri allievi ma con dentro tutto il profumo dell'Eterno, tutto il profumo di quel bene seminato e colto che in un sorriso, in un abbraccio, in un pezzo di strada percorso assieme continua a dire "basta che siate giovani perchè io vi ami assai".  

NUOVO CENTRO DI LAVORO PER GLI ALLIEVI DEL CNOS FAP DI VIGLIANO BIELLESE.

Ci avviciniamo al 31 gennaio e quest'anno la festa di Don Bosco porta in dono al CNOS FAP di Vigliano e a tutto il territorio biellese un investimento importante. Alle ore 12.00 del 31 gennaio si alzerà il sipario su una importante novità per il settore meccanico di Vigliano: si tratta di un centro di lavoro AKIRA SEIKI V2.5-XP. Il nuovo centro di lavoro è un centro di lavoro verticale configurato con 4 assi al fine di consentire la realizzazione di lavorazioni complesse. É dotato di testatore pre-setting per gli utensili e di una sonda per il rilevo dello "zero pezzo". Lo strumento è uno strumento da produzione e non da didattica per questo motivo gli allievi, giovani e adulti che lo utilizzeranno si troveranno in un contesto perfettamente aderente a quello lavorativo dove sperimentare le competenze specifiche di un ambito, quello della meccanica di precisione, in continuo sviluppo e che in questi anni ha retto alla crisi egregiamente. Complessivamente CNOS FAP ha investito € 120.000,00 per l'acquisto e l'installazione di questo macchinario di produzione taiwanese commerciato per l'Italia da Tecnor Macchine. La formazione professionale salesiana si conferma formazione di eccellenza che operando investimenti anche impegnativi consente l'acquisizione di competenze "alte" e pratiche per consentire agli allievi, giovani e adulti, di lanciarsi nel mercato del lavoro con solide basi. É vocazione specifica poi di CNOS FAP l'operare con uno sguardo fisso sulle imprese con le quali si è instaurato un rapporto proficuo e di grande rispetto. Investimenti quali quello che verrà presentato il 31 gennaio sono certamente investimenti sulla formazione dei nostri allievi ma anche un importante servizio a tutto il nostro territorio, un territorio che da quarant'anni cammina insieme a CNOS FAP.           

Dopo la terza media? CNOS FAP! Ovvio!

Ehi ragazzo che stai pensando a cosa fare dopo la terza media, hai pensato alla Formazione Professionale? Forse non te ne hanno parlato ma al CNOS FAP si fanno cose grandi! Proviamo a convincerti! Abbiamo ambienti ampi, luminosi, curati. Abbiamo bravi ragazzi che fanno le cose seriamente. Abbiamo formatori preparati che seguono i nostri allievi con passione e competenza. Abbiamo luoghi e proposte di svago perché gli intervalli siano occasione per "staccare" dalle lezioni divertendosi. Abbiamo un servizio di mensa interno eccellente. Possiamo accoglierti dalle 7.30 la mattina fino alle 18 la sera ma soprattutto proponiamo ai nostri allievi percorsi formativi che consentano di trovare un lavoro. Sono il 90% gli allievi che si occupano al termine dei corsi di durata triennale, ci pare una ottima ragione per pensarci!  Siamo i Salesiani! Lo sai bene: se vuoi crescere in un ambiente sano, sapendo di essere seguito, al di là della tua religione, sai che per noi sei importante e che faremo di tutto per non deludere l'aspettativa comune che abbiamo, noi e te, di essere felici! Da noi puoi fare il Meccanico specializzandoti nel Controllo Numerico: professione molto richiesta ma puoi diventare anche un esperto Elettricista specializzato nei sistemi di automazione a PLC, altra professione richiestissima. Se preferisci potrai diventare un Termoidraulico e sai bene quante possibilità ci siano legate alle nuove fonti energetiche! Vedrai che non faticherai a trovare un lavoro che ti soddisferà. Se invece preferisci il mondo della bellezza potrai diventare un Acconciatore o un'Acconciatrice: una delle professioni che non ha mai conosciuto la crisi! E al termine dei nostri percorsi potrai prendere il diploma professionale, tornare a scuola, inserirti in apprendistato o in tirocinio. Allora che aspetti? Vieni a trovarci insieme ai tuoi genitori! Il CNOS FAP di Vigliano ti aspetta! Per informazioni, consigli e iscrizioni! Vigliano Biellese, Via Libertà, 13 0158129207 segreteria.vigliano@cnosfap.net vigliano.cnosfap.net    

Sabato 12 gennaio secondo Open Day al CNOS FAP di Vigliano Biellese.

Dalle ore 8 di oggi, lunedì 7 gennaio 2019, fino alle ore 20 di giovedì 31 gennaio è possibile per le famiglie dei ragazzi e delle ragazze iscritti alla terza media effettuare l’iscrizione dei propri figli ai corsi di istruzione e formazione professionale o ai percorsi scolastici per l’anno formativo 2019-20. Per effettuare l’iscrizione è necessario collegarsi al sito www.iscrizioni.istruzione.it ed effettuare l'iscrizione. Prima di poter effettuare l’iscrizione è necessario registrarsi, seguendo le istruzioni riportate. Segnaliamo alle famiglie intenzionate ad iscrivere i propri figli presso il nostro Centro di Formazione Professionale che il codice meccanografico è il seguente: BICF00100Q - Operatore Meccanico - costruzioni su macchine utensili e a controllo numerico - Operatore Elettrico - automazione industriale - Operatore di impianti termoidraulici - impianti energetici - Operatore del Benessere - acconciatura Ricordiamo che è obbligatorio indicare come seconda o terza scelta opzionale una scuola superiore. Le famiglie che avessero necessità di un computer connesso ad internet e/o di un supporto tecnico per effettuare l’iscrizione possono recarsi presso il nostrio Centro, previo appuntamento da concordare telefonando al numero 015 8129207 Segnaliamo che in caso di iscrizioni in eccedenza, i candidati verranno accettati secondo le seguenti priorità:
  1. ETÀ ANAGRAFICA: nati dal 1 gennaio 2005 con percorso regolare di studi
  2. CONTATTO PREVIO DELLA FAMIGLIA CON IL CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE: partecipazione all'attività di Porte aperte/Open Day, colloquio con il Direttore/Responsabile e accettazione del ‘Progetto educativo’
  3. DISTANZA GEOGRAFICA DAL CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE: priorità a chi abita più vicino.
Per gli allievi con disabilità leggere attentamente il documento allegato. Si ricorda che la domanda non sarà considerata valida in caso di dichiarazione mendace rispetto alla disabilità. Sabato 12 gennaio dalle ore 9.00 alle ore 12.30 e dalle ore 15.00 alle ore 18.00 sarà possibile visitare il Centro. I ragazzi che intendono conoscere il nostro Centro e le opportunità legate ai nostri percorsi formativi saranno accolti da formatori e allievi e potranno conoscere tutto quanto è necessario per operare una scelta consapevole! Vi aspettiamo!

Festa degli auguri per un Natale, Santo, Buono e… Salesiano

Giovedì di Festa per il CNOS FAP di Vigliano Biellese, una festa bella, una festa ben vissuta, una festa in pieno spirito salesiano. Canti, balli, sfilate, sketch divertenti, genitori in platea e tanto divertimento ma soprattutto tanti giovani, giovani felici, giovani protagonisti, giovani belli della loro giovinezza! Scambiarsi gli auguri con leggerezza, in famiglia, è un regalo bello che ogni anno si ripete arricchendosi di storie nuove. Quest'anno per Vigliano le pagine nuove sono molte: nuovi allievi, nuovi formatori, il Centro di Muzzano che ha fatto ritorno a Vigliano ma una cosa non è cambiata ed è il desiderio di sorridere insieme, di vivere momenti belli in amicizia gustando quei meravigliosi "incroci di vite e di storie" che ci fanno bene al cuore. Allora eccovi un po' di immagini della nostra serata di auguri. Grazie a tutti gli allievi, ai formatori, alla comunità salesiana che ha spalancato le porte della sua casa in orari inusuali, alle famiglie dei nostri allievi che hanno accolto l'invito a vivere insieme un momento di festa e alle famiglie dei nostri formatori e collaboratori che hanno scelto di stare un po' insieme a noi in questa bella vigilia della festività natalizie. Ah! Un ringraziamento super alle nostre cuoche che hanno preparato come sempre un buffet degno di una festa regale... ma forse lo sapevano già che sarebbe stata una festa proprio così... A ciascuno l'augurio di un Natale pieno di cose belle, buone e giuste, pieno del calore famigliare, ricco di sogni che diventano realtà e di realtà che profuma di sogni...

Buon Natale dal CNOS FAP di Vigliano Biellese.

Buon Natale! Giunga a ciascuno il nostro augurio! Giunga ai nostri allievi, alle loro famiglie, giunga a chi a diverso titolo collabora con noi. Arrivi ai nostri formatori, ai loro famigliari, a chi abita il loro cuore. Arrivi a ciascuno il nostro augurio portato da Caravaggio. L'immagine che accompagna i nostri auguri di quest'anno è "La fuga in Egitto". Possa ciascuno godere della tenerezza di Giuseppe, quella di un padre buono che tiene uno spartito tra le mani mentre canta alla sua sposa e al suo bambino! Possa stupirvi la dolcezza di Maria. É senza velo e tiene suo figlio tra le braccia così... allo stesso modo come la rappresenterà Michelangelo nella "Pietà". Possa accompagnarvi questa dolcezza in ogni momento della vita. Possiate avere fiducia incrollabile in un futuro ricco di promesse realizzate! Possiate gustare la bellezza di uno sfondo, di ciò che non è sempre facile da vedere. Giuseppe ha i piedi accavallati su un terreno desertico ma alle spalle di Maria c'è un orizzonte aperto, bello, meraviglioso! Buon Natale a tutti, soprattutto a quelli che stanno in mezzo al deserto, a quello della solitudine, dell'incertezza, della fatica, della fragilità. Possa raggiungervi l'augurio di un angelo che come quello del quadro sia anche un po' ingombrante ma che accompagna Giuseppe nel suo canto a Maria e a Gesù. Possiamo essere tutti, per qualcuno, questo angelo! Un compagno fidato, che in mezzo al deserto, nella tribolazione e nella paura sta lì ad accompagnare un canto di Speranza... Buon Natale a tutti!

Don Miguel Núñez, Visitatore Straordinario del Rettor Maggiore, in visita a Vigliano.

Visite importanti al CNOS FAP di Vigliano Biellese. Martedì e Mercoledì è stato infatti presente nell'Opera Salesiana Biellese don José Miguel Núñez, visitatore straordinario del Retore Maggiore, che in questi mesi sta incontrando le diverse articolazioni del mondo salesiano nella nostra Ispettoria. Don Miguel ha incontrato la comunità salesiana e quella del nostro Centro di Formazione Professionale. Nelle foto due immagini dell'incontro che don Miguel ha tenuto con i nostri ragazzi. La terra biellese in questi giorni è davvero una piccola Betlemme in quanto, appena dopo Natale, a Muzzano, si aprirà il "IX Capitolo Ispettoriale" a cui parteciperanno tutti i direttori della nostra ispettoria chiamati a ragionare su tre temi consegnati direttamente dal Rettor Maggiore: • approfondimento sul tema del Capitolo Generale 28° (CG28): “Quali salesiani per i giovani di oggi?” • approfondimento su tematiche più specifiche dell’Ispettoria • elezione dei tre Delegati al CG28.
Si entrerà nel vivo della sessione capitolare mediante i contributi raccolti nelle varie case del territorio, nei settori ispettoriali, tra i giovani confratelli e i ragazzi del Movimento Giovanile Salesiano, grazie al lavoro del Regolatore del CI 9, don Luca Barone - accompagnato dalla Commissione Preparatoria composta da don Alberto Martelli, don Stefano Mondin, don Chrzan Marek, don Giorgio Degiorgi e don Fabiano Gheller - che sottolinea il valore simbolico di "vivere questo Capitolo a Muzzano, nella nostra casa, che da decenni ospita e continua ad ospitare giovani per esperienze di animazioni, esperienze spirituali, esperienze sacramentali, ci aiuterà a sentire più vicini ai giovani a cui noi stessi siamo mandati". La casa di Muzzano, fondata nel 1957, è un punto di riferimento del territorio biellese. Prima come scuola e per ritiri spirituali e ora coma casa di accoglienza per gruppi, famiglie, comunità parrocchiali, a sostegno di attività religiose, spirituali e sociali. Nei mesi scorsi, in vista del Capitolo Ispettoriale, l'opera di Muzzano ha rivisitato, con alcuni interventi di manutenzione e miglioria, i propri spazi grazie al prezioso supporto di un gruppo di Ex-Allievi volontari - provenienti non solo dal Biellese ma anche da Torino, Vercelli, Asti e dal lontano Veneto - che hanno nel cuore la casa di Muzzano. La seconda sessione di lavoro del Capitolo Ispettoriale si terrà a Torino-Valdocco, il 4 e 5 Marzo 2019, per la conclusione dei lavori. Buon lavoro al Capitolo Ispettoriale e Buon lavoro a Don Miguel perchè sappiano sempre dare corpo a quel bel principio tutto salesiano "con Don Bosco e con i tempi". Ancora Buon Natale a tutti!

10 dicembre: inaugurato il nuovo Laboratorio di Acconciatura alla presenza dei qualificati del settore Benessere nell’anno formativo 2017-2018

Ci sono giornate che per il profumo che hanno sono destinate a rimanere nei ricordi di un luogo a lungo. Il 10 dicembre è stata una di queste giornate per il CNOS FAP di Vigliano Biellese. Il "trapianto di una scuola" è un processo che può liquidasi in un trasloco, in un innesto o in un accatastarsi di persone e ambienti o può essere un percorso, da leggere, da scoprire. Inaugurare un laboratorio ha tanti significati, racconta della fiducia che si ha verso il futuro, racconta del nostro provenire da una storia che ci lancia, che ci impegna a migliorare, racconta di cosa siamo ma racconta anche che la storia, che il tempo, che gli eventi non ci appartengono in via esclusiva, che non siamo noi il "centro" del tempo e della storia. Giuseppina Zaniroli ce lo ha ricordato. La sua generosità, che ha consentito la realizzazione  dei nuovi laboratori, ce lo ha confermato: noi siamo ciò che eravamo e siamo il futuro che custodiamo. É il nostro passato che è così ricco da meritare la fiducia di persone buone e generose ed è il nostro futuro che può impegnare cuori generosi. Ecco che Lunedì allora non si è consumato un rito ma si è vissuto insieme la concretezza del tempo e la tangibilità di un sentimento. Ma lasciamo spazio alla cronaca della giornata. Alle ore 9.00 sotto la guida e la regia del formatore Cristiano Gatti e delle formatrici Elena Zaramella e Roberta Ramella i formatori di Wella, azienda leader nella cosmesi, hanno presentato uno show in pedana per i nostri allievi. Due raccolti e un taglio che hanno raccontato lo stile Wella e le tendenze e le idee innovative per questa stagione. Dalle 10.30 si è aperta la cerimonia di consegna degli attestati per le allieve che hanno conseguito la qualifica lo scorso anno nel settore del benessere. A fare da padrone di casa Don Genesio Tarasco, Direttore dell'Opera Salesiana Biellese insieme a Roberto Battistella, Direttore del Centro di Formazione Professionale. Dopo le parole di accoglienza dei Direttori, il sindaco di Vigliano Cristina Vazzoler ha portato il suo saluto e le sue congratulazioni per il risultato raggiunto dagli allievi e dalle allieve insieme al compiacimento dell'Amministrazione Viglianese per la realizzazione del nuovo laboratorio.Il Sindaco Vazzoler, nella sua veste anche di Consigliere Provinciale, ha portato il saluto del nuovo Presidente della Provincia di Biella Gianluca Foglia Barbisin impossibilitato a partecipare per concomitanti impegni. Al saluto del Sindaco è seguito l'intervento delle associazioni di categoria in rappresentanza delle imprese che collaborano e che hanno collaborato con il Centro per l'erogazione dei moduli stage e che garantiscono performance in termini di occupazione che si attestano al 90%. Cristiano Gatti, Presidente di Confartigianato Biella e Confartigianato Piemonte in rappresentanza anche di CNA Biella e del Presidente Gionata Pirali, ha raffigurato la situazione dell'artigianato biellese, del suo stato di salute specie per quanto attiene il settore del benessere. Al termine degli interventi si è proceduto alla consegna degli attestati agli allievi presenti alcuni accompagnati da famigliari ed amici giustamente orgogliosi del risultato acquisito dai loro figli ed amici. Hanno ritirato la qualifica: AIELLO Mattia BALBO Velina BERTINETTI Desirèe BORTOLANZA Sharon BOTTONE Rosy CAPUTO Federica CONSIGLIO Krizia CROCCO Eleonora DETRATTI Camilla LAMICELA Lucia PARENTE Gaia SANGUEDOLCE Luca SASSI Desirè SAVOIA Sara SPANÓ Simona TOSO Nicolò VIOTTI Naomi ZAZA Nicoletta ZOPPO Giulia Alla consegna degli attestati è seguita l'inaugurazione ufficiale dei laboratori dedicati a Giuseppina Zaniroli alla presenza del curatore testamentario e dei congiunti della signora Giuseppina la cui generosità ha consentito la realizzazione di uno spazio formativo eccellente nello scenario piemontese per la qualità dell'intervento e per le tecnologie impiegate. Segue foto gallery   Inaugurazione  

Io Centro! A Vigliano porte aperte agli amici della Domus Laetitiae!

Cosa capita quando la vita incontra altre vite? Capita che si cresca, che si condivida, che ci si apra alla relazione e che si diventi uomini e donne migliori. Per il secondo anno  i nostri allievi e le nostre allieve hanno accolto alcuni ospiti della Domus Laetitiae di Sagliano Micca, struttura per disabili che opera sul territorio biellese da molti anni. Il progetto nasce in modo semplice e condiviso, alcuni ragazzi della struttura arrivano al centro e si intrattengono per alcune ore, ragazzi e ragazze: i primi per un po' di gioco insieme e le seconde per un po' di acconciature.
Nel progetto sono coinvolti Veronica Cisini insieme agli operatori Dora, per le ragazze, a Lucia e Nicoletta. Poi c'è Claudio ancora per l'organizzazione e Massimiliano che accompagna i ragazzi. Insieme a loro i nostri formatori e i nostri ragazzi.
Nell'incontro si scopre la bellezza della relazione, di una relazione nuova, si scopre che io C'entro, ci sto dentro! Sto dentro la storia, sto dentro l'esistenza. Ma io riesco anche a fare centro, rispetto al mio dovere di stare davanti alla vita in modo responsabile, aperto, sorridente. Io Centro, io sono anche il mio Centro, io sono anche l'idea di un luogo che costruisce relazioni in cui la professionalità diventa linguaggio e il lavoro diventa dignità vissuta e dignità riconosciuta.
Grazie agli amici di Domus Laetitiae per il percorso che stanno vivendo insieme a noi e che proseguirà nei prossimi mesi! Entro Natale vivremo un secondo momento di incontro e per allora: spazio alle foto dei ragazzi! Oggi vanno in scena le Signore e il settore benessere!